TRIONFO DEI RADICAL CHIC IN FRANCIA: MARINE LE PEN DENUNCIA LA BRUTALITA’ DELL’ISIS E LE TOLGONO L’IMMUNITA’ PARLAMENTARE

8

Francia pazza: si schiera con i tagliagole e punisce quei pochi coraggiosi che hanno il coraggio di dire le cose come stanno. L’Occidente che muore di politically correct

Roba da matti: denuncia le atrocità dell’Isis e viene punica. Accade nella Francia buonista, schiava e propna all’Islam più radicale, dove una Brigitte Bardot è stata sanzionata e condannata perché, animalista convinta, ha denunciato la crudeltà delle macellazioni halal (animali sgozzati e lasciati a dissanguarsi per ore, ben vivi, in attesa della morte).

E succede che l’Assemblea nazionale abbia deciso la revoca dell’immunità parlamentare per la presidente del Front National, Marine Le Pen, in relazione all’inchiesta per la diffusione – sull’account Twitter della deputata – di immagini di una vittima dell’Isis.

L’inchiesta sulla Le Pen è stata aperta per “diffusione di immagini violente”. La presidente del Fn aveva condiviso 3 foto con il testo “Daesh è questo!”, mostrando diverse vittime dell’Isis, fra le quali il giornalista USA James Foley. La libertà d’espressione, in un Paese che se ne è fatto sempre paladino (al punto da ospitare addirittura i terroristi rossi) è evidentemente morta, quando si tocca il mondo islamico, con cui l’Eliseo ha sostanziosi e danarosi affari…

via Il Populista