Il Sud con Salvini

Valls lancia l’allarme: “È guerra permanente inutile nasconderlo ci saranno altri attacchi”

loading...

PARIGI “Siamo in guerra, dobbiamo imparare a convivere con una minaccia permanente. Combatteremo, e alla fine vinceremo”. Manuel Valls annuncia nuove misure contro il terrorismo che ha colpito la Francia dieci giorni fa, tra cui il possibile allungamento dello stato di emergenza, la chiusura a nuovi migranti e l’appello alla solidarietà per la sicurezza tra paesi Ue. “L’Europa deve essere all’altezza della sfida. Il terrorismo può colpire altrove” spiega il capo del governo, incontrando un gruppo di giornalisti stranieri. Valls sostiene che “non è finita”, nuovi attacchi sono possibili “nelle settimane, nei mesi a venire”.

loading...

E lancia un messaggio chiaro anche a Matteo Renzi che arriva domattina nella capitale francese per incontrare François Hollande. “Rifiutare di usare la parola guerra, è una forma di negazione della realtà. L’Italia è minacciata dal terrorismo vista la sua posizione strategica al centro del Mediterraneo”. La risposta di Roma dopo gli attacchi del 13 novembre è stata all’altezza? “Cosa succederebbe se dicessi di no?” elude Valls. Mentre Hollande è a Washington, il premier rilancia anche la necessità di una nuova coalizione per lottare contro l’Is. “Quello che è avvenuto nei cieli della Turchia dimostra che c’è bisogno di un coordinamento” spiega Valls rispondendo alle domande per oltre un’ora.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner